Vitamina C & zinco per la guarigione delle ferite

La nutrizione scadente rende le ferite più lunghe da curare, secondo Drugs.com, secondo cui i più importanti nutrienti per la guarigione delle ferite sono proteine, zinco e vitamina C. Per garantire una migliore guarigione delle ferite, dovresti consumare il livello raccomandato di vitamina C e zinco Attraverso fonti alimentari. Soddisfare il requisito attraverso cibi regolari è generalmente un metodo migliore di prendere integratori.

Processo

Subito dopo il danno, il sito ferito ha un aumento dei livelli di radicali liberi pronti a invadere il vostro sistema immunitario, secondo LifeExension. Il tuo corpo, in risposta, riduce la perdita di sangue per prepararsi alla guarigione. I linfociti e altre cellule immunitarie arrivano alla ferita e rimuovono detriti danneggiati, inglobano e digeriscono tutti i batteri. La guarigione a lungo termine inizia dopo creando una nuova rete di collagene, che è la base del tessuto cicatriziale.

Funzione

La vitamina C genera il collagene e fornisce una maggiore forza e stabilità alle fibre di collagene. È anche un antiossidante che è responsabile della lotta contro i radicali liberi che sono nocivi alla vostra salute. Lo zinco è coinvolto nella sintesi del DNA, nella divisione cellulare, nella sintesi proteica, nella inibizione della crescita batterica, nella maturazione dei linfociti T e nella risposta immunitaria.

Fonti di cibo

La vitamina C è abbondante in frutta e verdura come agrumi, fragole, cantalupo, pomodori, patate e broccoli. Le carni e frutti di mare come il bovino, il fegato e il granchio sono buone fonti di zinco. Altre fonti alimentari di zinco in quantità minori sono noci, semi, uova, latte, germe di grano e prodotti a grani interi.

Effetti collaterali

Secondo uno studio pubblicato in “Annals of Long Term Care” nel 2010, le dosi superiori a quelle raccomandate di vitamina C e zinco possono causare problemi. Gli effetti collaterali di elevati livelli di vitamina C comprendono nausea, diarrea, uricosuria e pietre dell’acido urico. Sebbene la tossicità acuta della zinco sia rara, le dosi elevate di integrazione zinco possono causare carenza di rame, immunosoppressione e disturbi gastrointestinali.

considerazioni

Se si mangia una dieta equilibrata, non c’è bisogno di prendere integratori. Infatti, un uso improprio dei supplementi può portare a overdose. L’indennità giornaliera raccomandata per lo zinco elementare è di 15 milligrammi al giorno, mentre gli integratori contengono 20 o 25 milligrammi. Chieda al proprio medico prima di prendere qualsiasi integratore per evitare possibili overdose.