Perché aumenta la pressione sanguigna del sodio?

Il sodio è uno dei minerali più importanti del corpo. I reni utilizzano sodio per mantenere il giusto equilibrio tra acqua e elettroliti – le sostanze chimiche come il sodio e il potassio e il sodio sono fondamentali per la ritenzione idrica. Ma questa molto caratteristica può causare problemi con la pressione sanguigna.

Secondo “Norme Metheny”, il corpo umano maschile è di circa il 60% di acqua in peso, le femmine hanno una percentuale leggermente inferiore di acqua, perché hanno più grasso corporeo. Questa acqua è sia extracellulare che fuori delle cellule del corpo – e intracellulare, o all’interno delle cellule. Il corpo umano deve avere acqua, ma troppa acqua è altrettanto male per il corpo come troppo piccolo, ei reni utilizzano elettroliti come il sodio, il potassio e il cloruro per mantenere l’equilibrio. L’acqua si muove attraverso una membrana cellulare verso il lato che ha una concentrazione più alta di sodio, ogni rene ha un sistema di filtrazione in cui l’acqua e gli elettroliti passano avanti e indietro attraverso le membrane cellulari. I prodotti di scarto e l’acqua in eccesso vengono filtrati dal sangue e escreto nelle urine, mentre il sodio necessario per le funzioni del corpo viene riportato nel flusso sanguigno. Mentre il processo completo è molto più complesso di quello descritto, la spiegazione semplificata è che un aumento del sodio nel corpo può significare una maggiore acqua sia all’interno delle cellule che circolando nei vasi sanguigni e che l’acqua provoca un aumento della pressione sanguigna.

Gli esseri umani ingeriscono il sodio mangiando sale nel cibo e talvolta in medicinali. La maggior parte delle persone esclude semplicemente l’eccesso di sodio nelle urine, e persiamo anche sodio e acqua. Ma circa il 20 per cento della popolazione ha una caratteristica genetica che causa la ritenzione di sodio, che provoca la ritenzione idrica e può aumentare la pressione sanguigna. Mangiare il sale rende anche le persone assetate, il che significa che tendono a bere più e questo rende la situazione peggiore. Troppo sale conserva la quantità di fluido che circola nel corpo superiore a quella che dovrebbe essere, il che significa una maggiore pressione sulle pareti dei vasi sanguigni. Le pareti si addensano e si restringono sotto la continua pressione elevata, e il cuore deve pompare più forte per muovere il fluido in giro. Questo lavoro aumenta il muscolo cardiaco e aumenta la forza di ogni contrazione: la pressione più alta danneggia i vasi sanguigni – e il sistema di filtrazione – nei reni e aumenta la pressione sanguigna.

Secondo l’Associazione americana dei pazienti renali, l’utilizzo di sale più basso significa bassa pressione sanguigna. L’associazione raccomanda meno di 5g, o 100 nanomoli di sodio al giorno, che si traduce in 2.300 mg al giorno. Secondo la Clinica di Cleveland, il sale deve essere limitato a non più di 1.500 mg, che è notevolmente inferiore: questa raccomandazione è nata dall’American Heart Association. Un cucchiaino di sale contiene circa 2.400 mg di sodio. Cibi come pancetta, salsicce, zuppe in scatola, snack e cibi sottaceti tutti tendono ad essere alti nel sale, la Clinica di Cleveland raccomanda di non mangiare se si ha alta pressione sanguigna.

L’alta pressione sanguigna è una condizione potenzialmente grave e può avere bisogno di farmaci e cambiamenti dietetici. Mentre diminuire la quantità di sale nella vostra dieta può essere utile, se pensi o sai che hai l’alta pressione sanguigna, controlla sempre con un medico.

Acqua e Sodio nel corpo

Sodio e pressione sanguigna

Quanto Salt?

Considerazioni e avvertimenti