La dieta contadina

La dieta dei contadini medievali differiva notevolmente da quella del moderno mangiatore americano. Sebbene non ci sia negazione delle diete moderne che ci permettano un migliore accesso all’energia e all’alimentazione, libri come “Revival greco” e “In difesa dell’alimentazione” hanno posto l’idea che saremmo più sani se avessimo preso una o due pagine dal contadino dei nostri antenati libro di cucina.

Assunzione calorica

In generale, il contadino medioevale aveva molto maggiori necessità caloriche rispetto all’uomo moderno. Secondo la ricerca pubblicata presso l’Università del Kentucky orientale, una persona medievale media bruciava tra 4.000 e 5.000 calorie al giorno, rispetto alla raccomandazione USDA di 2.000 per i moderni americani. Una dieta tipica per i contadini consegnava tra 3.500 e 4.500 calorie, circa o appena sotto la necessità. Gli americani tipicamente consumano 3.000 a 3.500 calorie giornaliere – più del 150 per cento di quello che bruciano durante il giorno.

Tipi di cibo

Le diete selvatiche erano semplici e ripetitive, costituite da pane e formaggio, da proteine ​​e da qualsiasi verdura in stagione. Notevolmente mancanti erano gli oli da cucina, i dolci e i grani raffinati – tutti gli alimenti aggraziati dalla moderna struttura nutrizionale.

Nutrizione

Anche se la dieta contadina era sana in termini di evitare alimenti insolitamente malsani, gli alimenti invalidi disponibili spesso provocarono problemi di salute. Gli inverni, con la mancanza di frutta e verdura fresca, spesso includevano casi di boils, rachitismo e scorbuto a causa di andare troppo a lungo senza vitamina C, vitamina E e altre sostanze nutritive basilari.

Potabile

Ale, birra e vino erano bevande da tavola regolari durante il periodo medioevale, perché le fonti locali di acqua spesso non erano sicure da bere. Anche se bere ben tre pinte di birra ogni giorno rischiaravano certi problemi di salute propri, che crollano rispetto ai veri rischi di dissenteria e colera presenti nell’acqua.

Alimentazione moderna contadina

Con l’accesso ad acqua pulita, abbondante nutrizione e prodotti freschi tutto l’anno, la dieta moderna presenta diversi vantaggi rispetto a quella del contadino. Ma Walter Willett della Scuola di Pubblica Medicina di Harvard nota alcuni cambiamenti nei vecchi modi che beneficerebbero gli americani moderni. Willett dice che dobbiamo mangiare circa quante più calorie si prende e si allontanano da alimenti raffinati e trasformati a fonte di nutrizione rawer come carni biologiche, cereali integrali e prodotti coltivati ​​localmente.