Gli effetti del progesterone e degli estrogeni negli uomini

Il progesterone è il precursore di molti ormoni, tra cui il testosterone, l’ormone sessuale che sottolinea le caratteristiche maschili e l’estrogeno, l’ormone sessuale che sottolinea le caratteristiche femminili. Il progesterone svolge un ruolo importante nella regolazione dello zucchero nel sangue, nella costruzione della massa ossea, nella regolazione dell’attività del cervello, nello sviluppo di funzioni di intelligenza e corpo. Contribuisce anche al processo che converte i grassi in energia, regola la produzione di ormoni tiroidei e può aiutare a riavviare la libido. Oltre a questo, il progesterone è un antidepressivo naturale, un aiuto alla normalizzazione della coagulazione del sangue, che contribuisce ad avviare il sonno e un diuretico naturale insieme a molte altre funzioni vitali.

Bassi livelli di progesterone

Come gli uomini invecchiano, i livelli di testosterone diminuiscono ei livelli di estrogeni iniziano a salire. I livelli di progesterone negli uomini cadono notevolmente quando i livelli di estrogeni si arrampicano, causando sintomi come la libido basso, la perdita di capelli, l’aumento di peso, la stanchezza, la depressione, la ginecomastia – i seni ingranditi – disfunzione erettile, impotenza, perdita di ossa e perdita muscolare. Oltre a questo, gli uomini che hanno bassi livelli di progesterone hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie gravi come l’osteoporosi, l’artrite, la prostatite e il cancro alla prostata.

Progesterone e Cancro

Il progesterone aiuta a prevenire la malattia della prostata impedendo il testosterone di essere convertito in diidrotestosterone o DHT, che, se prodotto in quantità eccessive, può causare danni e addirittura cancro, secondo il servizio informativo naturale di progesterone. Un altro modo di progesterone aiuta a ridurre il rischio di cancro è sopprimendo gli effetti promozionali della crescita degli estrogeni e del testosterone sulle cellule che hanno superato la loro durata naturale. Le cellule che vivono più a lungo di quelle dovute all’influenza dell’estrogeno e del testosterone producono troppe cellule figlia che potrebbero sviluppare mutazioni che danno origine al cancro.

Estrogeni e malattie cardiache

Ci sono prove che gli uomini che hanno appena la giusta quantità di estrogeni nei loro corpi possono avere maggiori probabilità di sopravvivere all’insufficienza cardiaca cronica, secondo uno studio polacco pubblicato nel numero di maggio del “Journal of the American Medical Association”. Gli uomini con estrogeni molto bassi hanno trovato che hanno un tasso di sopravvivenza del 44,6 per cento mentre quelli con livelli di estrogeni leggermente più alti hanno un tasso di sopravvivenza del 65,8 per cento. Gli uomini con moderati livelli di estrogeni avevano il tasso di sopravvivenza più elevato all’82,4 per cento mentre quelli con livelli elevati avevano un tasso di sopravvivenza inferiore al 79,0 per cento. Gli uomini con i più alti livelli di estrogeni avevano un tasso di sopravvivenza del 63,6%. Più ricerca è necessaria per determinare esattamente che tipo di rapporto livelli di estrogeni hanno con le probabilità di sopravvivenza di malattie cardiache croniche.

Estrogeni e osteoporosi

C’è anche qualche prova che l’estrogeno svolge un ruolo in quanto la densità ossea ha un uomo, uno studio in occasione del 4 aprile 2007 dei rapporti “Calcified Tissue International”. Diversi enzimi nel fegato convertono gli estrogeni standard in metaboliti estrogeni, alcuni dei quali attivi mentre altri sono inattivi. I metaboliti estrogeni più attivi che un uomo ha nel suo corpo, la più densa la sua densità minerale ossea tende ad essere. Mentre il testosterone sembra essere responsabile per quanto le grandi ossa maschili diventano e quanto spesso diventano i loro strati esterni, è l’estrogeno che è l’ormone chiave per mantenere la massa minerale ossea di picco negli uomini.